Domande

Psicologa Bergamo Simona Carminati

Chi è e cosa fa lo psicologo ?
Lo psicologo è un professionista del benessere della persona che utilizza specifici metodi e tecniche al fine di risolvere un problema presentato da un committente.
L’art. 1 della Legge 56/89 definisce :
“La professione di psicologo comprende l’uso di strumenti conoscitivi e di intervento per la prevenzione, la diagnosi, le attività di abilitazione-riabilitazione e di sostegno in ambito psicologico rivolte alla persona, al gruppo, agli organismi sociali e alle comunità. Comprende altresì le attività di sperimentazione, ricerca e didattica in tale ambito.”

Per diventare Psicologo in Italia è necessario laurearsi in Psicologia (Laurea Specialistica 3+2), sostenere un Esame di Stato a seguito di un tirocinio post-lauream di un anno e iscriversi all’Albo professionale di una regione. Senza l’iscrizione all’Albo non si è Psicologi,ma soltanto dottori in Psicologia.
L’iscrizione è la condizione necessaria per poter lavorare ed esercitare l’attività.
Lo Psicologo si occupa di psicopatologia, ma non solo. Altre importanti aree di intervento riguardano una molteplicità di situazioni, personali e relazionali, che possono essere fonti di sofferenza e disagio ( perdita del lavoro,lutto,fine di una relazione, malattie…)
L’attività dello psicologo ha l’obiettivo di favorire il cambiamento, potenziare le risorse e accompagnare l’individuo, la coppia, le famiglie in particolari momenti critici e di difficoltà.

Quando rivolgersi allo psicologo?
Tutti noi nella vita sperimentiamo momenti di difficoltà, legati a condizioni particolari in cui è necessario far fronte ad emozioni e pensieri dolorosi : un brusco cambiamento, un evento inatteso talvolta possono generare stati d’animo difficili da superare e comprendere .Lo stesso discorso vale per l’elaborazione di traumi quali la rottura di una relazione, l’eventualità di un lutto,il fallimento di un progetto importante, un incidente o un intervento chirurgico, una malattia invalidante ed altre situazioni che possono verificarsi nel corso della vita di una persona.
Presentandosi inizialmente come semplici preoccupazioni, sentimenti e pensieri a noi fino a quel momento sconosciuti si affacciano nella nostra mente guadagnando prepotentemente spazio fino ad assumere un ruolo determinante. Queste emozioni possono manifestarsi con forti stati d’ansia, tristezza, nervosismo,eccessiva rabbia o un profondo stato di angoscia.
Talvolta i contenuti emotivi sono privi di oggetto, in altri casi sono accompagnati da fastidiosi pensieri di cui non riusciamo a liberarci: paura della perdita di controllo,incapacità a vedere una via d’uscita,sensazione di pesantezza o vuoto mentale. Sul piano ideativo possono comparire pensieri ossessivi, paure immotivate .
Tutto questo può lasciarci disorientati e con la sensazione di avere perso il nostro equilibrio interiore, specialmente se i sintomi influenzano i nostri comportamenti e le nostre attività quotidiane. Se i sintomi aumentano progressivamente in intensità e frequenza, incidendo negativamente sulla qualità della nostra vita, è opportuno ricorrere all’aiuto professionale di uno psicologo qualificato, senza vergogna o cercando di nascondere il problema. È questo l’atteggiamento di chi in maniera intelligente e responsabile si prende cura del proprio benessere psico-fisico.
Un aiuto psicologico conduce a comprendere e riattivare le proprie energie. Rinforzando la personalità si ritrovano le proprie capacità e le motivazioni interiori utili a risolvere le problematiche psicologiche ed emotive, permettendone in tal modo il superamento. Un supporto psicologico da parte di uno specialista è utile per creare uno spazio privato, non giudicante e protetto dove è possibile confidarsi e confrontarsi, trovando un punto di riferimento e possibili risposte alle proprie domande.